PARIGI ALMENO DUE VOLTE L'ANNO

Servon tre giorni
prima
E camminare
A primavera almeno dieci
Notti comprese

Parla
sorride con astuzia
sposta di fretta
i capelli dalla fronte
Consiglia
beve il caffè
morde la tazzina
Pare
E' Lei

Quasi sfacciata
avanza col volto
vicino
è una sfida

La ricordavo più minuta
Gli occhi sicuri e neri
la bocca non dice
fa capire
rassicura
Sa fare amore

Senza paura
il tempo fugge
sveglia ragazzi
niente complessi
Si fa l'amore con passione
ed allegria
Solo sorprese
il resto
bocca a bocca

Ma guarda un pò
La Signora dai capelli turchini
ha aspettato
ora passa all'attacco
Vuole essere guardata
non solo desiderata
Aspetta
subito
di essere presa

La Signora dai capelli turchini
ha Parigi nel cuore
Parla
sorride
intende
attende
Eretta
Ferma
pare passeggi

Mi corre incontro.

Padova 8 febbraio 2007