LA LUNA DIETRO LE SPALLE

Ombre
lunghe
schiacciate
sotto l'arco
di Ponte Molino
divise per due

Volge a sinistra
il pensiero triste
verso Via San Fermo
Sciacqua la testa
nella gelida vasca
dell'acqua nervosa
davanti al negozio di fiori

L'altra metà
gira a destra
Si perde nei vicoli
C'erano le case chiuse
Una piazza
con alberi gonfi
aristocratici
pieni di anni
Una parete in fondo
con un balcone

Strillava la bisbetica domata
gridava
voleva

Non spade o lance
solo rumori di peccati
Sottane curiali
fuggono
di corsa.

Padova 7 febbraio 2007