dario.petrolati's blog

LUNGOADDIO-GRANDESONNO...

copertine
in giallo

economiche edizioni

presi

pagando

alla Festa dell'Unità
in Modena-Bologna..?..

volti

voci
di classici americani..

quando potrò
allora
cambierò

DIGIUNO....

pei nervi

irritazioni

altro

per me
sempre tanto

troppo

ho saltato la cena
per reazione
ingannatrice

ho ingoiato
gelato
industriale

tra puzza di fumo
odore di lei

IL BEL RENE'...

ricordo appena
giorni
cuori
di donne rapite :

"la corridora AMATI"

volava
con la vettura
oltre le nubi

invidia tanta

somma

innominabile..

ora
il "ragazzo"
non più tale

L'AMERICA VISTA CON VITTORINI...

larghissima

tutta California

quasi non capivo

con la sua voce

amica

saggia

indicava
spiegava
origine
senza fine
l'immenso Paese..

dietro racconti
dal sapore
di Trinacria

JACQUES BREL..

certo
ci fu qualche tempesta

anni
d'amore alla follia...

.....
.....
mio amore
....
mio dolce mio
meraviglioso amore

dall'alba chiara
finchè il giorno muore
ti amo ancora

A PAGINA 44 ET 45....

oggi
la REPUBBLICA
dedica
dovuti pensieri
a
SARA SIMEONI..

io
che pure ricordo
quegli anni

ho sentito un pugno

provato sensazione

di cui parole
non so

ho visto

BIANCA COLOMBA...

anni
percorsi
interi

tutti
colmi di amori :

Uomini

Terre

infinito..

trasmise
sapore
di vita

vera

così
come si deve
e fa..

strinse braccia forti
belle

amata

PROVO DISAGIO...

quando vedevo
"il libro della giungla"

vedere
al cine

gli animali in fuga

mentre tutto brucia

chissà
forse
mi sentivo
vigliaccamente
colpevole

quasi avessi
dato
io

LA RAGAZZA DI JESI....

passava
sotto casa
il pomeriggio
accompagnata
stretta stretta

con Umberto..

ricordo
i suoi lunghi
neri capelli
aspetto aveva
unico
per la mente
mia..

quale scuola

RACCONTO BREVE...

contiamo i resti

divide il mio
dagli altri giornali

Maurizio
dice
del tentato furto:

ieri
qualcuno
ha provato rubare
la sua indispensabile bici

seppur pesante
colma di tutto

PRIMAVERA

senza rumori
rapida
l'edera
dal muro
scompare
..

mattoni eterni
rossi
fatti a mano
tornano

come sempre

vecchi
gloriosi
storici
confini..

senza chiacchiere
ripulito
cortile

GALLI DELLA LOGGIA

odo appena :

agita le mani

senza un sorriso

parole

espressioni
gravi
pesanti..

confronto
Leopardi
"nemico"
pure
del mio Paese..

possibile
dico
penso
che l'Italia

DIETRO LA DUNA...

piatta
pensata
da Antonioni

inventata
invece
concepita
posata
dai Taviane

quasi
come laggiù
al "ponte rosso"
o tennis...

nonna prendeva il sole
sotto l'ombrello
per guarire

HO TROVATO UN RIGO....

piccolo
da non vedersi
...
sulla fiancata destra
della mia vettura
in fondo...

Simone

mentre sorbivo
l'ennesimo caffè
mi ha chiesto
se m'ero accorto
quando "toccai"
la loro jepp

CREDEVO NEBBIA..

tempo
di allora

vedevo
sporco

vetri della macchina
appannati..

grigio calore

dentro

freddo fuori

rallentavo
per non urtare
sbattere

pulire
gli occhiali

allora

PAROLE ..

grigio mattino

ragazza
lontana

col suo bel cagnone..
ha personalità
tigna carattere

sotto il Carmine
si ferma
alza la zampa
senza bagnarla
mena
la coda

schizza pipì..
appena

PATRIA....

quando vedo odo
parlar di casa mia:

"ITALIA"

intendo

allora temo

m'innervosisco
se qualcuno sparla del mio Paese

paragona
altre nazioni
alla mia Patria..

DIFFERENZA...

I.G.E.

I.V.A.

----------

quesito
scolastico
per concorso generico..

distinguere
significare
le sigle commerciali

sopra esposte

dopo pausa di riflessione
un silenzio assurdo

LEGGERE E CAPIRE..

quando lavoravo
in Roma

al giornale che visse
un attimo

quasi

Vittorio
mi spiegò
come si leggeva
un quotidiano
senza perdere tempo

assorbendo
ogni concetto
indispensabile

KARIM...

stupito
ascoltato

diceva
storie di vita

lontano
tra popoli
gente
di lingua altra....

Concita

tv. radio
dissero
mostrarono
dove il ragazzo
fu..

da tempo
non so

SEPPOI QUALCUNO...

tra questi disgraziati
poveri
di soldi

dignitosi

piano pianissimo
esprime disagio..

non ha saputo
ancora
posare
"congiuntivo col condizionale"

se cerco dire
far capire

noi pure

RUMORE INDE....

guardo
ad occhi chiusi

sembra

pare

cosa
non so..

mi alzo

cado quasi

pesto
la matita
appena caduta

per terra

tra un foglio
..

gomma Pirelli.-.

COLLINE VIENNESI..

scolorate

colme di polvere
dei piedi :

"migranti"

dal bus
lontano
arrivo
in centro
quasi

percepisco
malamente
stonate voci

erano tempi
di curata musica

spiegata

SILONE SI-SILONE OPPURE..

a scuola

ai tempi di allora..

avevo insegnanti
amici
compagni..

tutti

nessuno escluso
mi consigliavano
leggere

IGNAZIO SILONE

spirito progressista
pulito
anti fascista

VITA DI L.TENCO..

prima

anche prima
arrivasse
legge

vivere come alcuni possono

anzi..

lo sparo

Luigi
scrisse
nascose
fiducia
contro futuro

famiglia borghese
procaccia
"roba"

SENZA TREGUA

leggo
solo adesso

non mi capacito
rassegno :

la terra trema
ancora

quasi
fosse destino

maledizione

ispirazione postuma
di Visconti..

cosa dire
ai miei
rimasti amici

BUON GIORNO A TUTTI...

il saluto
di PIERO...

" Compagno sin da quando era bambino"

ora
porta
capelli e barba bianchi

sebbene
sia passato tanto tempo

Piero
regala
il suo pulito
eterno Saluto

FABRIANO...

bianco
sempre prevale

antica
nobile
seppur tra campi
gente che lavora
usando mani

Città

usata
per far "carta"
soldi
memorie antiche
..
archi
persone
di ogni genere

belle

VITE PARALLELE...

guidato
spinto forse
dalla mia amica radio

notte
prima

di giorno
poi

guidato
alle figure :

"Bruno Cicognani-Giovanni Arpino"

differenti
oltre
ogni limite

sfogliai

SBREGHI...

pure lei
la ragazza del bar cinese
indossa
aderentissimi
jeans

mostra le gambe
dagli spacchi
dei pantaloni

regala confidenza

non mi piace

seppur gentile
ridicolmente
copia

Syndicate content