carri del " PORTELLO"

comuni
come da ortolani

giù..

in fila ordinati
pronti per andare
portare
dignità
lavoro
persone..

foto
in bianco e nero
quasi omaggio
tradizioni
storie
che non so

ricordi

SORRISO INVITANTE...

di corsa
pel fresco preso
fuori

ho chiesto a Simone
permesso di usare
il bagno del locale
adibito a tutti

solito bar...

giovani
ragazzi e ragazze
chè
non riuscivo

ESCHIMESE....

appena prima

davanti al cancello
urtavo quasi
"la cilena ?"
-
-eschimese ..?-

incapucciata
col cuculo
enorme
rosso
tutto disegnato..

sola
anche stamane
diretta alla stazione

LABORATORIO....

e come chiamarlo
non so
magari riparazione di tessuti

vestiti

che abbisognavano
di un'aggiustatina
così
come una volta
facevano
le madri
in merito a qualche danno indosso..

CONSUNTIVO.....

davvero:

poco resta
forse meno

leggere
pensare
trarre conclusioni

eppoi

nell'angolo
attendere

prima di emettere :

...-.

Padova 13 novembre 2018

TINA MODOTTI

c'era Giovanni
allora

Vittorio
pure

anziani

oltre

Maria
prima di partire
mi regalò
il libro :

Tina Modotti

spiegò
raccontando
come non immaginavo si potesse

UNA CILENA SOLA....

vicino
mi passò

accanto proprio
la ragazza
che sempre in coppia
la mattina
mi passava..

prima

stamane

mi ha sorriso
confidenzialmente
con voce giovanissima
che mai avevo udito

"ADDIO" di ENDRIGO..

cantata

detta

come...?

la notte scorsa

"Le Parole dell'ADDIO..."

mi s'è fermato tutto

bloccato

anche ciò che non ho

vita
pensieri
gratitudine
ogni dolore

SENZA BERRETTO....

mai
dice qualcosa
Maurizio
nel senso
"lamento"..

pedala
scarica giornali
si arrabbia
preoccupa
per me :

dariooo...!!..

insomma
stai dentro
aspettami al bar

non fuori

SENSAZIONE...

come
quale
perchè
non so...

mi fermo
chiudo gli occhi
pulisco le labbra
sposto
gli occhiali

strano
tutto
mi torna
addosso

quasi
annuncio.-.

Padova 9 novembre 2018

PESA QUASI..

davvero
pare allora

ero a Torino
piano
andavo
inconsciamente
di tanto

tutto :

colori

profumi

sorrisi

sesso..

nella mia piccola vettura
entrava
pigiava fortissimo

LA PARTITA....

quattro versioni

la stupenda
brava Faye Duhnaway
era in grado
recitare
nel film di Vanzina

a me
che piace il cinema
fece effetto
strano
positivo
di sicuro..

tutto pensavo

"COMPAGNO FALEGNAME"..

alto tantissimo

proporzionato
suonatore

spalla-guardiano di Berlinguer

quando si fermava
qui da noi
sempre raccontava
di Enrico...

comunista
lavoratore
senza cultura
di libri

INSONNIA DI GRILLO...

manifesto
in angolo

Carmine
Piazzale Mazzini

di solito
appare una donna
qualcosa che
incuriosisce
eccita
pensare fa

stavolta
bendato
con l'occhio
piratesco

non mi piace

ATTO ....

innominato

colore "lottiano"

immerso
in povertà marchigiana

confinata in veneto

bergamasca poi

nel parco buio
fatto un giorno
assieme a brignoli

fabry

tutto

nulla andato

SE QUESTA E' VITA...

rabbia

innervosirsi

malinconia

silenzio..

allora è vero
non è magari giusto
altro...

importa
m'impegna
influisce
un libro
fuori posto
piuttosto di una persona

sento

LIBRI SPOSTATI....

così
per caso
sono caduto
in basso
a sinistra
dove prima c'erano altri..

ho visto
al posto ..?..

due libri e qualche 33
di tempi addietro

cambiato piano
senza sapere

FAMIGLIA.....

fine del libro :

arriva "Trieste"

non la città
bensì lo zio

di fianco
appare Bice

lavorava
al pastificio come impiegata

ancora

Velia

la sorella

che mansioni avesse

LE DUE CILENE...

la mattina presto
quando ancora nessuno appare
silenziose
due ragazze imbottite
per difesa

-freddo-pioggia...

all'angolo
dietro la nuova lavanderia
ove prima c'era Claudia

JOYCE...

alle sue splendide poesie

NAZIM

rispose

partì
infante
col desiderio
irrefrenabile
di scrivere

comunque...

la vena
e lo spirito
spinsero
il POETA
a sfogare
ogni pensiero

MISTERO

solo
ancora poco
del "mistero"
gridato piano
pianissimo
da Enrico Ruggeri..

dopo

appena poco
porto confusamente
scolorito
il senso di quanto
udito per radio..

FORZA-CORAGGIO...

sino a quando
anche non so
riferisco:

pazienza
altro sopportabile
vigliacco dolore

giro
"volgo immaginata posizione"

copro
col cuculo
stretto
elastico

nero
come la pece...

ESORCISTA....

tra bianche lenzuola
prese l'anima sua

eppoi il corpo
tutto

nuda
bella

membra giovanili
offriva
con gesti
muti

languidi
segni

...
durò
l'amore
oltre la vita

CORTESIA.... ?..

tra gocce
tante..

il giovane ragazzo
chiede
della stazione

se lontana oppure

l'ombrello ci copre

vuota
il portafoglio
nelle mie zuppe mani
senza contare
ringrazia

LOTTO -SKIRA-BANTI.....

quasi fosse colore
inventato :

geniale musica

udii

somme emozioni
mi presero tutto

seppur nolente
giacqui nel sonno
immaginato

freddo giardino
immenso...
gridava

acqua

RICORDO....

Perugia

da troppo
non vedo

confusamente
un poco ricordo..

il balcone
da cui Carducci
esplorò
ogni orizzonte

il Corso..

l'enorme storica
profumata fontana

archi
gente

DAVVERO LUNATICI..?...

è come un fisso chiodo
morbido
perenne

sempre mi dice
racconta
mostra..

fatti
persone
luoghi
vicini
inventati

notte buia
invisibile..

sarà davvero
storia
fantasia
comodo

TEMPO DA PAURA....

ogni momento

attimo

notizia
Rai

sulla stampa

a voce vicina...

dicon del tempo

rammentano alluvioni
Venezia affogata
Brenta
Bacchiglione
altri corsi
...
arriva
paura

EPISTOLA - del Bellini.....

si come
espresse un tal giudizio
sul personaggio in Trieste

sgradito

anonimo pubblico

allora:

"bellinamente"
usò
l'artista per non confondere
o
meglio adoprare
al confronto

SOGNO....

una di queste notti :

ho sognato
TE

si era
a Senigallia

m'indicavi il mare

spiegavi
tacendo..

sfiorai
il volto tuo
senza malizia

cara lontana Amica
mia.-.

Syndicate content