AL CINEMA POMPONI...

eppoi
a teatro
di cui
non ricordo
il nome

...

nella città
d'Abruzzo
vidi

confusamente capii :

"Anima Nera"

attori sdraiati sui letti
mai disfatti

voci
perennemente

EH. SI CHE FUORI PIOVE...

manco più
ciò sa fare
la natura

o quello che resta...

se fa caldo
la gente muore

scoppia

prega

guarda il cielo
ed appena un lampo arriva
cadono alberi
sfondano tetti

PRIME LEZIONI...

una delle ultime estati
a Senigallia..

prima di partire
per Milano

andavo
da Bucci

a Porta Fano

per imparare
a valutare i danni

c'era un signore
che mi spiegava
come si faceva

PASSO' VELOCE......

il tempo
allora

furono sette
notti
lievi
fatte
concepite

tra le tue braccia

ospite

senza domande

intese

tutto scivolò
sino al giorno
che rstituii
la chiave

ERANO GIORNI ALLEGRI E SOLEGGIATI

lungo la strada nazionale
-adriatica-
dal mio paese
portava giù
ad Ancona

passò di corsa
una vecchia Fiat
colma di gente
confusa
mescolata

inelegante

sopra
il padiglione
legati

LA MAMMA DI VALERIA...

appena
giorni fa

ha chiamato
con lucida fermezza
educata sensibilità
d'altri tempi

la Signora Solesin

senza preamboli
chiacchiere vane
accento
italianissimo

cercava

VITA FATTA DI ROBE..

amici
antichi
vissuti

ricordi

luoghi
senza età

smussate stagioni

ancora

laggiù

cimiteri militari
per chi ha dato
vita
desideri
sogni

scoloriti ormai

miei fedeli

LIBRO DEL GIORNO

ieri
di corsa
improvvisamente

forse

ho udito :

LETTERA D'AMORE E D'ADDIO

nulla sapevo
dell'autore

UGO RICCARELLI

e ciò che loro
a Fahrenheit
mi hanno suggerito
scoperto

LACRIME AMARE

il mio Presidente

Sergio Mattarella

tutti i giorni
ormai
arriva
stringe mani
confonde
il pianto Suo
con i Rimasti..

ai piedi dell'aereo
compagnato
da tutta la Nazione
esprime

LA COCCARDA COI COLORI DI FRANCIA

sul portone enorme
del Maldura
giace immobile
a lutto
per i MARTIRI

di NIZZA

appare

pesa il simbolo
e manco gocce di pioggia
venticello leggero
osano eludere

Nomi..

HO CERCATO CERCATO..

ma non so cosa

chi

di fatto sta
che erravo
chiedevo

un tecnico
riparatore
pel mio cellulare

nell'angolo
di una pseudostanza

"ripostiglio"

c'era per me
la branda
telata

ELENCO MEDICINE...

ho fatto un sogno
quasi reale
o giù di lì..

avevo in mano
la lista di farmaci
salvavita

per Sandro

con ansia
affanno
confusione
tutto misto
all'immancabile mal di testa

Sandro

SUCCEDE..

io stanotte
mentre mi giravo
sentivo strano dolore
confuso

un salto immaginato
forse

da Radio 24
una voce chiara
descriveva
spari
morti
grida

possibile
impossibile

HO LETTO PENSATO UDITO...

una "roba"
terribile
logica
senza colore :

CHI NASCE POVERO
MUORE NOVE ANNI PRIMA

con ciò

allora

che si può fare..

desiderare....?

Padova 15 luglio 2016

REGALO DI MAURIZIO QUAGLIA

Il cielo mi è diventato nero..

la gioia delle giornate
l'ho trasformata
in incubo costante

fai del bene Maurizio

sconfiggi questa ignoranza
questa cattiveria

UN RAGAZZO DICE...

non si può
morire così

mette l'anima
ogni sensibilità
lacrime non viste
che sanno di guerra..

umiliazioni bestiali
trattati
gettati
come roba

erano persone

ed ora
da troppo

"FATTO" DI FERMO..

eppure accade

succede

come fosse normale
logico

nell'intervista
programmata da RAI
una delle tante
mai troppe
per le coscienze

appare
il padrone panciuto

COME FOSSE VERO

chissà
poco fa
appena un attimo bollente..

Francesca
mi ha fermato
sorriso e
detto di Anna..

"sai l'ho trovata
ha detto che verrà
a salutarti
sempre
si ricorda di te"

LA COSTITUZIONE E LA BELLEZZA..

bevuto
con tanta sete

assorbito
a bocca aperta

una volta ancora
e non mi basta

ho ascoltato
Ainis
e
Sgarbi

l'altra sera..

editore
Nave di Teseo
stampato quassù

STRANA GENTE

risponde Maurizio..

davvero

perchè
gli chiedo
delle due "gazzelle"
lucide

come nuove

da stamattina
era notte quasi
stazionano qui

di traverso
per controllare
proteggere

ERA DAVVERO UNA CORSA..

in bici
allora

attorno al Piazzale della Libertà

Goffredo
sempre
mi vinceva

era fortissimo

all'ultima curva
prima del traguardo immaginato
lui mi passava

anche secondo
dietro

FUTURO

quale
come
quasi

tutto un casotto
come fossi ubriaco
ebbro
di alcolici avanzati

sempre scaduti

mi sono girato
appena

ho creduto
almeno

tanto

rumore

immenso chiasso

VOLGARITA' E DOLORE..

cerco capire
mi sento ferito
offeso
per ingiustificati atti
gesti triviali
fatti di sangue
follie
innominabili

tutto
nulla compiuto
da quelli che sembrano
sesso maschile..?

allora

QUANDO MUORE UN POETA..

si corre
passa
altrove

non frutta danaro
valuta

soldi intendo

quando crepa
un poeta
si salta la riga
la foto

pure la pagina

quando muore un povero
nemmeno stupore
c'è in giro

INCUBO SUBITO

pareva
roba vera

come il dolore
quando
si perde persona

lessico strano
singhiozzando
giungevano voci
pesanti
come schiaffi

morte
del cucciolo

Ascoli
a carnevale
mentre la gente

PERCHE'...

dici
d'esser sboccata
e forse hai ragione

eppure
hai fascino

sarà l'immagine triste
voluttuosa
silenziosa
mentre m'aspetti

pensi
e non dici cosa

magari per ridere

DI CORSA SVELTISSIMA...

Francesca
mi ha preso alle spalle

quasi

stavolta
davanti al bar..

ridendo

allegra

come lei sa fare

m'ha detto
di aver ritrovato Anna
la suorina laica
che era scomparsa..

IERI ERO PORTATO A TRATTARE...

parlare
sul femminicidio

poi
mi son perso
per il lavoro
qui
in ufficio

m'ero promesso
tornare in argomento

poi vedo
constato
che nulla ho fatto
scritto..

spero rifarmi

MORIRE A BAGDAD

se sia più onesto
misericordioso
bisognoso di preghiere

chissà

quanta e quale differenza
passa
tra i nove caduti
in Bangladesch
e
quelli
ancora innominati

falciati ieri
a Bagdad

COSI' COME FOSSE POCO O NULLA...

ieri

a "Prima Pagina"

faticavo capire

GIGI RIVA..

gente
popolo
non so chi
poi

ha cominciato
alzar la voce
interrompere
la trasmissione

tutti
troppi
tanti

Syndicate content